Psoriasi del cuoio capelluto: impariamo a conoscerla

22/05/2023
  • #Argilla
  • #Capelli
  • #Shampoo
  • #Stress
  • #Tricologia
  • #Trattamento
  • #Scrub capelli
  • #siero lenitivo
  • #dermatite seborroica
capelli.jpg
La psoriasi del cuoio capelluto è una malattia infiammatoria che provoca lesioni a placche, con arrossamento, lieve prurito occasionale e desquamazione simile alla forfora. La psoriasi del cuoio capelluto si sviluppa per il malfunzionamento del sistema immunitario, che induce un ricambio cellulare accelerato a livello dell’epidermide (il turn-over si verifica in 3-7 giorni, anziché ogni 28 giorni). 
 Queste cellule prodotte in eccesso si accumulano sulla superficie del cuoio capelluto, determinando la comparsa delle placche psoriasiche.
 
Quali sono le cause? 
 
La psoriasi del cuoio capelluto può presentarsi in soggetti di sesso femminile e maschile, a qualsiasi età; spesso compare in seguito all'intervento di agenti scatenanti, quali:Traumi (meccanici, chimici, allergici o di altra natura); Infezioni (es. streptococco beta-emolitico, HIV ecc.); Ustioni solari; Cambiamenti ormonali; Abuso di alcol e fumo; Stress psico-fisico; Cattive abitudini alimentari; Alcuni farmaci (in particolare: beta-bloccanti, clorochina, litio, ace-inibitori ed interferone-alfa), ma anche la familiarità è frequente. 
 
Durante il periodo estivo, in caso di esposizione corretta ai raggi del sole, i sintomi della psoriasi del cuoio capelluto regrediscono per l'azione rigenerante della vitamina D, mentre nel corso dell'inverno gli agenti atmosferici stressano ulteriormente la cute compromessa da queste irritazioni. 
 
Come si manifesta? 
 
La manifestazione più frequente del disturbo è l'arrossamento diffuso del cuoio capelluto, con lieve prurito occasionale (nota: la desquamazione può essere scarsa, ma sono visibili delle aree irregolari eritematose).
 
Altri sintomi  comuni sono: 
a.  Desquamazione simile alla forfora, con produzione di scaglie di colorito grigio-biancastro sul cuoio capelluto, intorno al fusto dei capelli e sugli indumenti; 
b. Comparsa di lesioni a placche eritematose (rossastre) e desquamanti sul cuoio capelluto
c. Secchezza del cuoio capelluto che presenta un'aumentata tendenza a lesionarsi e sanguinare; 
d. Sensazione di bruciore o dolore
e. Possibile perdita di capelli legata allo stress psico-fisico e all’indebolimento del sistema immunitario. 

Come si distingue la psoriasi dalla forfora e dalla dermatite seborroica? 
 
In qualche caso, può risultare difficile distinguere la forfora e la dermatite seborroica dalla psoriasi. In tutte e tre le patologie cutanee,  le condizioni colpiscono, infatti, il cuoio capelluto e condividono sintomi simili, come la desquamazione eccessiva.
 
In linea generale, però, all'esame visivo del cuoio capelluto è possibile osservare alcune differenze… anche se è sempre raccomandato un consulto con uno specialista.
 
Nella psoriasi, le scaglie si sollevano spontaneamente, rivelando al di sotto un cuoio capelluto di un colore rosso vivo per l'infiammazione. Il materiale prodotto dalla desquamazione è di color bianco-argenteo, oltre ad essere più numeroso e di maggiori dimensioni (largo e spesso).
 
Nella forfora, invece, le scaglie tendono ad essere piccole e fini, di colore giallastro o biancastro, mentre le squame che fanno riferimento alla dermatite seborroica saranno più grasse e giallastre.

Come trattare il cuoio capelluto?
 
Per quanto riguarda la cura dei capelli, una particolare attenzione va riservata al lavaggio del cuoio capelluto. Durante la detersione della chioma, la gestualità dev'essere molto delicata, cercando di non graffiare le placche.
 
Vediamo quali prodotti e sostanze potrebbero essere indicati:
 
a. SHAMPOO  
 
Chi è affetto da psoriasi al cuoio capelluto, poi, non dovrebbe ricorrere a uno shampoo formulato con tensioattivi aggressivi e sgrassanti, ma dovrebbe scegliere prodotti delicati e testati dermatologicamente per pelli sensibili. Questi detergenti  dovrebbero contenere ingredienti selezionati per non produrre irritazione e secchezza.  
Il nostro  shampoo Compensa, a base di acido ialuronico, esplica un’azione esfoliante che aiuta a ridurre gli ispessimenti cutanei ed a riparare la barriera cutanea, svolgendo nel contempo una funzione idratante e lenitiva grazie all’aloe vera.
 
b. ESFOLIANTE 

Potrebbe essere utile esfoliare il cuoio capelluto prima dello shampoo per favorire la rimozione delle placche psoriasiche. Il nostro scrub Purifica contiene l'acido salicilico che è cheratolitico e contribuisce a sciogliere la sostanza intracellulare che tiene unite le cellule morte creando la placca. Inoltre grazie ai cristalli del Mar Morto, lo scrub esplica una funzione purificate e anti-eczematosa.

c. SIERI 

E’ consigliato applicare  regolarmente a capelli bagnati o asciutti  dei sieri idratanti, lenitivi e riparatori per aiutare il cuoio capelluto a essere meno secco: è importante che la cute sia sempre umida e umettata per favorire il distacco delle placche. Molto utile sono l'acido ialuronico contenuto nel nostro Vivifica e i postbiotici come  Lactobacillus ferment in formulazione presente nel nostro Risana, per  preservare e riequilibrare  il microbiota cutaneo e mantenere l’integrità della barriera cutanea.
 
Alcuni consigli pratici:

a. Se si usa un phon per asciugare la chioma, è indicato tenerlo ad almeno 30 cm di distanza dalla testa, utilizzando il getto di aria fresca o una bassa temperatura.
b. Quando si spazzola o si pettina il cuoio capelluto, invece, può essere utilizzata una spazzola con setole morbide e naturali, mentre andrebbero evitati gli strumenti in plastica rigida ed i bigodini.
c. Evitare le acconciature troppo strette. Tirare troppo i capelli può irritare il cuoio capelluto, causando un peggioramento della psoriasi. Nel tempo, può anche causare la caduta dei capelli
d. Considerato, poi, che lo stress contribuisce alle manifestazioni associate alla psoriasi del cuoio capelluto, può essere utile praticare regolarmente dell'attività fisica per scaricare le tensioni negative e migliorare l'alimentazione, privilegiando frutta e verdura.
 
Se hai dubbi sulla psoriasi  e vorresti dei consigli da uno specialista,
Keramos Care s.r.l. Società Benefit © Riproduzione riservata
 
* Immagine scaricata da Freepick - Link di attribuzione:
https://it.freepik.com/foto-gratuito/chiuda-in-su-donna-con-problemi forfora_23676594.htm#query=cura%20dei%20capelli%20cuoio%20capellluto&position=16&from_view=search&track=location_fest_v1
 

Articoli correlati

capelli.jpg
21/01/2024 Curo i miei capelli da mesi, eppure non vedo risultati!

“Curo i miei capelli da mesi, eppure non vedo risultati”. “I miei capelli non crescono più, come mai?”. “Dopo quanto tempo comincerò a vedere miglioramenti nella mia chioma?”. Sono frasi e domande...

Leggi di più
capelli.jpg
10/01/2024 Male ai capelli? Che cos'è la tricodinia e perchè capita!

La tricodinia è un dolore al cuoio capelluto protratto nel tempo. Non è una patologia clinica, ma una sensazione che sente il paziente a carico del cuoio capelluto. Questo fastidio, indolenzimento...

Leggi di più
capelli.jpg
13/12/2023 Capelli bianchi: perché compaiono?

Non è solo la nostra pelle a invecchiare, purtroppo anche la nostra chioma risente del tempo che passa. I nostri capelli, infatti, con il passare del tempo cominciano a perdere il loro colore...

Leggi di più