La struttura del capello

04/04/2022
  • #Argilla
  • #Capelli
  • #Tricologia
capelli.jpg
Partiamo con il dire una cosa che forse vi stupirà: la parte viva del capello, quella che bisogna curare costantemente per avere una bella chioma, è la radice.
Il capello è una struttura cheratinica che fuoriesce dall’epidermide e si distinguono tre parti:
 
  1. Fusto o stelo: è la parte esterna alla cute, cioè quella che vediamo, e assomiglia ad un filo d’erba sporgente dalla superficie cutanea, è flessibile e resistente e questo perché è formato principalmente da cheratina. La sua parte finale detta “apice” è più sottile
  2. Radice: è il prolungamento dello stelo all’interno della cute, ed è incastonata nel follicolo.
  3. Bulbo: è la parte iniziale del capello, posizionata in profondità nel follicolo; alla base del bulbo c’è una zona chiamata “matrice generatrice del pelo”.
La matrice del pelo serve a formare e far crescere il capello stesso.Le cellule della matrice infatti via via che si riproducono, spingono verso l’alto quelle nate in precedenza e durante la risalita elaborano al loro interno una proteina, la cheratina, andando così incontro al processo di cheratinizzazione diventando progressivamente sempre più forti e rigide.Qui si trovano quindi i cheratinociti che sono le cellule che formano la cheratina e quindi la struttura del capello e i melanociti che sono invece le cellule che gli danno il colore.
 
Testo/KS_Capello.png
 
Se invece tagliamo il fusto del capello, al microscopio possiamo vedere che è formato da tre strati diversi:
  1. Cuticola: è la parte più esterna ed è composta da 6-8 strati di cellule appiattite trasparenti dette squame; la crescita del capello avviene attraverso la formazione di nuove cellule che, spingendo quelle vecchie fanno crescere il capello in lunghezza
  2. Corteccia: è la parte intermedia, quella portante del capello e responsabile delle sue caratteristiche meccaniche, fisiche e chimiche. La corteccia contiene un ammasso di fibre cheratiniche che garantiscono la resistenza del capello grazie ai legami che tengono l’impalcatura della struttura (legami idrogeno, legami salini e legami disolfuro); queste cellule sono alternate alle cellule di melanina, responsabili del colore del capello.
  3. Midollo: è la parte più interna ed è privo di cheratina, è costituito da cellule tondeggianti separate tra loro da spazi d’aria che servono da protezione contro il freddo (pensate che il midollo dei peli degli animali costituisce più del 50% dello spessore totale del pelo proprio per questo motivo).
 
Keramos Care s.r.l. società benefit © Riproduzione riservata

Articoli correlati

Spazzola.jpg
14/09/2022 La testa in ordine: l’invenzione del pettine

L’ordine ritrovato: l’invenzione del pettine La storia del pettine affonda le sue radici in epoche remote tanto che gli archeologi ne fanno risalire l’esistenza già migliaia di anni fa, infatti i...

Leggi di più
Spazzola.jpg
14/09/2022 La Spazzola: una storia lunga mezzo secolo

COME NACQUE LA SPAZZOLA? La spazzola per capelli, così come il pettine, affonda le sue origini nell’antichità e nonostante non rivestisse l’importanza di altri utensili di uso domestico, i...

Leggi di più
capelli.jpg
09/05/2022 Conosci davvero i tuoi capelli?

Pensi di conoscere i tuoi capelli ma i prodotti che utilizzi non funzionano come pensavi? O addirittura non sai da dove partire per acquistare dei prodotti perché non sai in che stato si trovino i...

Leggi di più